Posts Tagged 'udc'

Eruzioni cutanee

Elezioni europeeEruzioni cutanee sono il risultato dell’indigestione di chiacchiere propinateci ogni giorno.

Davanti al teleschermo, milioni di italiani inveiscono questo e quell’altro. “Perchè ci pigliano per il culo?”

E perchè non dovrebbero! Qualunque cosa facciano, dicano o pensino non ci intacca minimamente.

Le parole di destra, le parole di sinistra: come direbbe Gaber.

Ed intanto schiere di giornalisti, che non si piacciono più nel ruolo di informatori si buttano in politica, a bomba senza paracadute. Poco incisivi. Per niente credibili. Chi pagati, chi per protagonismo, pochi per idee.

Quelli che restano al servizio dei media raccontano dei giornali europei che, periodicamente, ricordano a mondo (meno che all’Italia, che è di scarsa memoria) chi è il nostro premier. “Un pericolo per l’Italia” (Financial Times), “Berlusconi impunito” (El Pais), “un’adolescente lo fara’ cadere?‎” (The  Indipendent).

Franceschini cavalca a briglie sciolte la notizia, decisamente alla frutta: quasi peggio del suo predecessore. “Fareste educare i vostri figli da Berlusconi?” è il suo dilemma, scatenando la reazione dei figli del Silvio: “vergogna” (parola che sta nell’abbecedario di Arcore, evidentemente), rispondono gli scarrafoni del premier.

Fiocco rosa per Fini: terzo figlio, il secondo fuori dal matrimonio… uhm… ma divorziare, fare figli fuori dal matrimonio… non era peccato?!?! Ci risponde la “Carta dei Valori” del Pdl:

Le radici giudaico-cristiane dell’Europa e la sua comune eredità culturale classica ed umanistica, insieme con la parte migliore dell’illuminismo, sono le fondamenta della nostra visione della società.

A parte il fatto che Illuminismo si scrive con la maiuscola, a parte che quel movimento muoveva critica nei confronti della religione, a parte che non è ben chiaro qual è la “parte migliore”… le radici in casa Fini (e non solo) sono proprio profonde.

Il “termovalorizzatore” di Acerra (termine stupido, meglio inceneritore: i monaci tibetani si termovalorizzavano forse?), punta di diamante della scorsa campagna elettorale di chi sappiamo, ha sforato il limite di Pm10 (polveri sottili) per ben 15 volte nei due mesi di attività. Il limite annuale è 35 volte: di questo passo ci arriveranno ben prima… E i napoletani intanto respirano, respirano…

Da una ricerca condotta dall’ Utilitatis emerge che, se da un lato l’acqua italiana è la meno cara del mondo (bevetela quindi, se potete), dall’altro c’è emergenza fognature e depuratori. Con dei dati disastrosi, per un paese europeo. Nel “Blue Book” si legge, infatti

È un dato noto che in Italia la politica abbia portato, demagogicamente, a considerare l’acqua, a differenza di altri servizi pubblici locali, un servizio gratuito e senza costi per l’utente. Oltretutto contravvenendo al fatto che l’acqua è invece una risorsa preziosa e scarsa e quindi svalutandola se ne favorisce lo spreco, come in effetti avviene. La realtà è che per decenni i costi di gestione degli acquedotti sono stati mascherati all’interno di altre imposte

La ricerca è stata presentata a Bari, in una regione che è in costante emergenza idrica dove il presidente della regione Nicky Vendola (Sinistra e Libertà) non ha fatto certo meglio del predecessore Raffaele Fitto il quale, checchè ne dica la Carlucci!, è pluriindagato (corruzione, falso, illecito finanziamento ai partiti, concorso in turbativa d’asta e di interesse privato) ed è stato con merito promosso a ministro nell’attuale governo.

Vi sembra il caso di farci venire un’altra eruzione cutanea?

PS: ricordatevi che PD e UdC non hanno firmato la mozione di sfiducia nei confronti di Berlusconi, costringendo l’IdV a ritirarla. Mancavano 63 firme, un numero facilmente raggiugibile se i due partiti votavano. Facciamoci qualche domanda sulla conduzione di questa “opposizione”.

Il Bagaglino culturale dell’Italia

bagaglinoSale il sipario a SanRemo, scende su tutto il resto d’Italia.

Possibile che i soldi al conduttore, mal riposti viste le gag e le scelte artistiche di dubbio gusto (per una volta si può dire che le canzoni sono protagoniste, nel bene e nel male), cancellino l’intera giornata di notizie a susseguirsi?

Vittoria in Sardegna, condanna a Mills, dimissioni di Berlusconi, Festival.

Non capisco se sia un climax ascendente o discendente.

Scusate, ho scritto Berlusconi al posto di Veltroni. Mi pareva che la frase seguisse meglio un filo logico in quel modo.

All’Idv ricordo che qui svolgiamo attivita’ parlamentare. Grazie a questa attivita’ ricordiamo la nostra straordinaria vittoria di ieri in Sardegna con dieci punti di scarto sul governatore della sinistra uscente. Noi cosi’ facciamo politica, non con le sentenze di primo grado.

Giuseppe Consolo, PdL (ANSA)

Possibile che valga di più una vittoria elettorale della fedina penale o della moralità? Ma  è una moralità di primo grado, suvvia.

Berlusconi corruttore? Lo possiamo dire? “E’ solo il primo grado”. Quindi? Omissis.

Elezioni in Sardegna, vince del 9/10% il centrodestra (nome candidato: n.p.) contro Soru. UdC si schiera col Cavaliere: “atto di coerenza”, spiega Casini (tra l’ilarità generale). Con il suo 9,31% di voti l’UdC è stata più che determinante per la vittoria del centrodestra (la situazione sarebbe inffatti ribaltata se ci fossero le stesse alleanze dell’opposiizone parlamentare). Che sia la testa di ponte per rientrare al Governo? I “casinari” fugano ogni dubbio:

Il Pdl dovrebbe riflettere, a livello nazionale, sul voto sardo – continua Capelli -. L’Udc ha fatto una scelta coerente e opportuna e una possibile alleanza anche a Roma mi vedrebbe favorevole. Noi siamo alleati affidabili.

Il Tempo

Ora potrà nascere senza problemi SilvioLandia: Soru gli aveva messo i bastoni fra le ruote introducendo un piano regolatore per le coste (dove ha casualmente una villa-parco Silvio con sbocco privato sul mare), le tasse sul lusso (seconda casa dei non residenti, imbarcazioni più di 14 metri, aeromoili privati) e lo sputtanamento della precedente giunta di centrodestra in cui fu scoperto un buco di 4 miliardi di euro nel bilancio.

Sapete chi era Assessore al Bilancio? Esatto, Ugo Cappellacci, l’attuale governatore neoeletto.

Cabaret.  Sembra il Bagaglino ma purtroppo siamo a  San Remo:

“tu sei uomo? No sai, perchè al giorno d’oggi non si sa mai…”

“mi aiuti, per Paul è la prima volta…” “Ma perchè la prima volta sua la deve fa’ proprio con me?”

Mi sembrano le frasi giuste nella serata della contestazione del brano di Povia.

Per fortuna, come dice Grillo, ci sono i comici a spiegare le cose:

gli omosessuali sono stati perseguitati perchè amavano un’altra persona: non c’è delitto più infame

ricorda Benigni. Finalmente.